TROMPE L’ ŒIL

Il trompe l’œil, espressione proveniente dai termini francesi tromper, cioè ingannare, e l’oeil, cioè l’occhio, è una tecnica pittorica naturalistica, basata sull’uso del chiaroscuro e della prospettiva, che riproduce la realtà in modo tale da sembrare agli occhi dello spettatore illusione del reale.
Essa crea un’ambiguità tra il piano pittorico e quello dell’osservatore, facendo risultare tridimensionale ciò che in realtà è bidimensionale; in questo modo infatti l’osservatore percepisce illusoriamente una realtà inesistente, creata artificialmente attraverso mezzi pittorici.
Si basa sostanzialmente sulla creazione di una sorta di scenografia volta ad inglobare in maniera oculata elementi funzionali per arrivare poi a fondersi con l’architettura e nel contempo a superarne i limiti.

Dal punto di vista tecnico, il trompe l’œil richiede un’assoluta conoscenza del disegno, delle regole prospettiche, dell’uso delle ombre e degli effetti di luce, oltre alla perfetta padronanza dell’uso del colore e delle sfumature, tecniche ben precise e rigidamente sottoposte a regole matematiche e geometriche per ottenere l’effetto voluto.
Lo studio del punto di vista dell’osservatore rispetto al dipinto è fondamentale. Pertanto, subito dopo avere scelto la superficie su cui operare l’intervento, l’artista dovrà individuare i punti di vista privilegiati, ossia i punti di vista da cui generalmente si osserva quell’area.